translation missing: it.general.accessibility.skip_to_content
STIAMO PREPARANDO UN AUTUNNO SPECIALE PER TE!
NUOVI PRODOTTI, NUOVI PREZZI, NUOVE POLITICHE...

Scusaci potrebbero essere delle momentanee interruzioni...
STIAMO PREPARANDO UN AUTUNNO SPECIALE PER TE!
NUOVI PRODOTTI, NUOVI PREZZI, NUOVE POLITICHE...

Scusaci potrebbero essere delle momentanee interruzioni...

FOTONOTE: Gordon Parks

IN ARRIVO
€9,00


“In ognuno di noi c’è qualche cosa di più profondo del nostro sangue o del colore della nostra pelle: la nostra aspirazione comune a una vita migliore, a un mondo migliore. […] Guardatemi, ascoltatemi. Tentate di comprendere la mia lotta contro il vostro razzismo. Non è troppo tardi per provare a vivere insieme, in pace, sotto questi cieli agitati”. FOTONOTE - GORDON PARKS Il nuovo volume della collana FotoNote è dedicato a Gordon Parks (1912-2006), grande interprete della fotografia internazionale, cineasta e scrittore afro-americano. Il libro presenta un’accurata selezione delle sue immagini più significative, accompagnate dal testo introduttivo di Paul Roth, per conoscere meglio l’affascinante figura del poliedrico fotografo che ha usato la macchina fotografica come un’arma di denuncia contro il razzismo, senza però rinunciare a cogliere anche la bellezza di quanto lo circondava. Completano la pubblicazione una biografia e bibliografia del fotografo. Primo fotografo nero a far parte della prestigiosa FSA (la Farm Security Administration), primo giornalista a realizzare un reportage su una gang di Harlem (1948), primo autore a entrare nello staff di fotografi della rivista Life, primo regista afroamericano a imporsi a Hollywood (Shaft, 1971): la dimensione pionieristica dell’opera e della vita di Parks è veramente esemplare. Personaggio vulcanico, è stato grande ritrattista, acuto narratore della realtà, testimone delle trasformazioni sociali, portavoce dei nuovi leader neri e delle lotte contro la segregazione e per l’uguaglianza dei diritti civili nel suo Paese e nel mondo. Con la sua visione e il suo lavoro ha compreso il mondo e ha cercato di cambiarlo. “In ognuno di noi c’è qualche cosa di più profondo del nostro sangue o del colore della nostra pelle: la nostra aspirazione comune a una vita migliore, a un mondo migliore. […] Guardatemi, ascoltatemi.

x