translation missing: it.general.accessibility.skip_to_content
A GRANDE RICHIESTA PROROGHIAMO L'OFFERTA SULLE SPESE DI SPEDIZIONE A 5,99 € IN TUTTA ITALIA
>> MA SOLO FINO AL 30 GIUGNO
...OFFERTA SPESE DI SPEDIZIONE A 5,99 € IN TUTTA ITALIA
>> MA SOLO FINO AL 30 GIUGNO

Sognare di Donne - Mignon

€32,00


Giuseppe Pappalardo, promotore di questa mostra, è da diverso tempo attento all’attività di Mignon che torna con un progetto collettivo tipico del gruppo e che prevede un insieme di immagini che creino un dialogo con l’osservatore e non una esposizione per autore di “fotografi”.

 

Sognare di Donne - Mignon

Giuseppe Pappalardo, promotore di questa mostra, è da diverso tempo attento all’attività di Mignon che torna con un progetto collettivo tipico del gruppo e che prevede un insieme di immagini che creino un dialogo con l’osservatore e non una esposizione per autore di “fotografi”.

Ecco cosa scriveva Pappalardo nel “Notiziario Fotografico” di Marzo 2005:

“Dobbiamo riconoscere che le mostre del formidabile ensemble Mignon dissipano radicalmente le ombre e i dubbi che da tempo addossiamo sui giorni futuri della fotografia. L’esperienza di questo gruppo, l’entusiasmo del loro programma e della loro proposta, fanno, invece, tacere i tanti lamenti che si sentono tra i fotografi e confermano che la fotografia, quella sana, sincera, onesta e motivata, quella che insomma amiamo, è ancora viva e vegeta. La fotografia Mignon si stacca, infatti, risolutamente dalla tanta ripetitività, più che mediocrità, che c’è in giro e autorevolmente si propone all’attenzione nazionale e internazionale spiegando con chiarezza le ragioni del proprio fotografare e, quindi, la necessità di guardare ancora una volta all’esistenza umana dentro e attraverso l’intelligente selezione dell’obiettivo. Questi fotografi lo fanno legandosi a una tradizione storica e tecnica che si rivela non solo adeguata ai loro intenti ma ancora opportunamente vitale per frugare tra i giorni nostri e lungo le nostre strade; e lo fanno scegliendo per il loro cammino compagni d’avventura che sono anche qualificati maestri ed eminenti storici della fotografia (ci riferiamo alla stima che Walter e Naomi Rosenblum accordano al sodalizio). Testimoniano, inoltre, con la loro concreta attività che professionisti e amatori possono, attraverso un concordato programma di intenti, maturato nella ricerca fotografica e nella consapevolezza d’un uso intelligente dello specifico fotografico, offrire quella riflessione del mondo e sul mondo che, da tempo, la nostra piccola e personale esperienza fotografica riconosce come fondamentale per capire chi siamo e dove stiamo. Le indicazioni di Giovanni Umicini – la figura di maggior fama tra tanti valenti obiettivi – per quella particolare attenzione rivolta alla “Street Photography” che, nella produzione attuale di Mignon, si rivela un dirompente manifesto ideologico quanto mai opportuno di fronte all’incalzare di tante immagini fotografiche realizzate a tavolino, con poco occhio e nessuna collaborazione dei rimanenti sensi…….”

Questa nuova mostra prende spunto dalla piacevole sorpresa di riconoscere, come un vero e proprio “manifesto fotografico”, il testo della scena di un film in cui il protagonista, a spasso per le strade di Parigi, pensa al suo rapporto con le donne e la città. In un periodo in cui si preferisce vedere sempre il lato negativo delle cose, questo è un ottimo spunto per invitare tutti a un rapporto diverso con il mondo che ci circonda. Il protagonista si alimenta di ciò che vede fra il pubblico, per vivere con più forza la sua sfera privata.

 

x