translation missing: it.general.accessibility.skip_to_content

FOTONOTE: Man Ray

€14,00




logo cinesudfotomagazine
clicca, iscriviti ed entra nella redazione più bella del mondo!
Scopri di più

logo cinesud

Diceva che la pittura serviva per fissare le immagini della realtà cosciente mentre la fotografia era per lui il linguaggio del fantastico. Non è questo l’unico paradosso di un’opera geniale per diversità e per una continua, incessante, libertà d’espressione. Perché Man Ray ha osato tutto, ponendo sempre la tecnica al servizio della sua creatività. Sarebbbero bastati i suoi rayogrammi per assicurargli la notorietà. Ma Man Ray andò oltre per diventare il grande manipolatore d’oggetti e di idee di un’epoca febbrile e privilegiata. FOTONOTE: Man Ray Nato a Philadelphia, pur essendo un pittore, un fabbricante di oggetti e un autore di film d`avanguardia è conosciuto soprattutto come fotografo surrealista, A New York, dove viveva, con Marcel Duchamp formò il ramo americano del movimento Dada. nel 1921 decide di andare a vivere e lavorare nel quartiere di Montparnasse a Parigi nell`era della grande creatività. Lì si innamorò della famosa cantante francese Kiki, spesso chiamata Kiki de Montparnasse, che in seguito divenne la sua modella fotografica preferita. Insieme a Jean Arp, Max Ernst, André Masson, Joan Miró e Pablo Picasso, fu rappresentato nella prima esposizione surrealista alla galleria Pierre a Parigi nel 1925. Nei venti anni successivi a Montparnasse, Man Ray rivoluzionò l`arte fotografica. Grandi artisti dell`epoca come James Joyce, Gertrude Stein, Jean Cocteau e molti altri posarono per di fronte alla sua macchina fotografica. Insieme alla fotografa surrealista Lee Miller — che fu la sua amante e assistente fotografica all`epoca — inventò la tecnica fotografica della solarizzazione.Più avanti nella sua vita Man Ray ritornò negli Stati Uniti, dove visse a Los Angeles per alcuni anni. Tuttavia egli considerava Montparnasse casa e vi fece ritorno ove morì il 18 novembre 1976 e fu seppellito nel cimitero di Montparnasse. Il suo epitaffio recita: Non curante, ma non indifferente.

x