translation missing: it.general.accessibility.skip_to_content

Life & Afterlife In Benin

Sconto
Prezzo Originale €59,95
Prezzo Corrente €56,99




logo cinesudfotomagazine
clicca, iscriviti ed entra nella redazione più bella del mondo!
Scopri di più

logo cinesud

Questa raccolta di ritratti, composta dal lavoro di nove fotografi del Benin, per lo più attivi negli anni ’60 e ’70, apre un nuovo capitolo nella storia della fotografia africana.

 

Life & Afterlife In Benin

Questa raccolta di ritratti, composta dal lavoro di nove fotografi del Benin, per lo più attivi negli anni '60 e '70, apre un nuovo capitolo nella storia della fotografia africana. La conoscenza della maggior parte delle persone della fotografia dell'Africa occidentale è limitata alla scuola bamako del Mali, i cui maestri Seydou Keita e Malick Sidibe furono scoperti ampiamente all'inizio degli anni '90. Ma dove Keita e Sidibe lavoravano prevalentemente per stabilire la modernità della loro vita, qui nel Benin, fotografi come Sebastien Mehinto (altrimenti noto come Pigeon) viaggiavano spesso miglia in bicicletta per trovare i loro clienti in villaggi lontani, e talvolta sviluppavano il loro squisitamente fotografie artigianali in camere oscure improvvisate costruite nella boscaglia. Contrassegnati da oscuri drammi e profondi misticismi, i loro ritratti registrano un popolo catturato tra un passato pre-coloniale e un futuro post-coloniale. Per molte delle persone nelle fotografie sarebbe il loro primo e ultimo incontro con un fotografo. Tra i matrimoni e le comunioni, le coppie di corteggiamento e i genitori orgogliosi, giacciono immagini stupefacenti di revenants e ju-ju men; sacerdoti voodoo e sacerdotesse; ladri e assassini; prostitute e papponi - e più sorprendentemente, una straordinaria sequenza di ritratti apresmort o di letto di morte. Perché se ti capitasse di vivere nella Repubblica Popolare del Benin (precedentemente nota come il Regno di Dahomey) durante gli anni '60 e '70, la fotografia avrebbe probabilmente avuto un ruolo non solo nella tua vita, ma nella tua vita nell'aldilà. In molte culture africane è convinzione diffusa, e fonte di paura, che l'anima di una persona viva, intrappolata, all'interno della fotografia. In Benin, con le sue tradizioni spirituali miste di cattolicesimo e voodoo (nato in Benin e ora la sua religione ufficiale), la fotografia è arrivata a svolgere un ruolo affascinante nei rituali della morte. L'eredità cattolica e coloniale del ritratto funerario, unita a una convinzione tradizionalmente africana secondo cui la fotografia ruba lo spirito, ha creato il contesto per alcune di queste fotografie, che esistono per mediare tra i vivi e i morti.

 

x